Home News BONUS EDILIZIA – Non più rinviabile soluzione a crediti incagliati, anche con acquirente pubblico di ultima istanza

BONUS EDILIZIA – Non più rinviabile soluzione a crediti incagliati, anche con acquirente pubblico di ultima istanza

construction-2578410 1920“Occorre intervenire su più fronti per risolvere la situazione in cui versano le imprese di costruzioni che hanno effettuato lavori utilizzando i bonus edilizia. Sono a rischio 47mila imprese e 153mila posti di lavoro. In particolare, vanno messi rapidamente in campo interventi per sbloccare i crediti fiscali incagliati”.

Lo hanno chiesto i rappresentanti di Confartigianato intervenuti oggi in audizione alla Commissione Finanze della Camera per sollecitare modifiche al decreto legge n.11 varato dal Governo lo scorso 16 febbraio.

Secondo la Confederazione è necessario aumentare la capacità di assorbimento dei crediti da parte del sistema creditizio, anche attraverso l’individuazione di un acquirente pubblico di ultima istanza particolarmente necessario per i crediti di minore importo.

Va anche ampliato l’arco temporale di utilizzo dei crediti in compensazione. In assenza della necessaria capienza fiscale, le imprese che hanno nei cassetti fiscali i crediti perdono infatti una parte del credito loro spettante.

Sollecitato anche il rinvio della data, fissata al 17 febbraio 2023, entro la quale è necessario aver presentato la CILA per poter mantenere la possibilità di cessione/sconto del credito.

Per il limitato valore dei lavori di edilizia libera non assistiti da CILA, Confartigianato chiede che sia consentito di autocertificare, da parte del contribuente, la data di avvio di tali lavori.

Secondo la Confederazione, l’obiettivo della transizione green degli edifici non potrà essere raggiunto se, insieme con un sistema di agevolazioni sotto forma di detrazioni fiscali, non verrà mantenuta la possibilità della cessione dei crediti e dello sconto in fattura per alcune fattispecie, in particolare i soggetti con redditi bassi e privilegiando gli interventi su immobili con una classe energetica molto bassa e la ricostruzione degli immobili danneggiati da eventi sismici per i quali la detrazione del 110% è ammessa sino al 2025.

Convenzioni

fiat.jpgscf.jpgaci.pnglogo-accor.pnglogo_mercedes.jpguni.pngtamoil.pngLogo-FIR.jpgAvisAutonoleggio.jpgford.pngald_automotive.pngbudget_autonoleggio.jpgtim.pngunistar-logo.pngmaggia.jpgpiaggio.pngfca.jpgLogo-eolo.pngsiae.pngtoyota.pngPosteItaliane_logo_free.jpgsamsung-logo.jpgtrenitalia.pngstarhotels.pngalitalia.pnglogo_peigeot.pngcathay-pacific.jpgmaggiore.pngeuropcar.jpgpiaggio_veicolicomm.pngtotalerg.jpgcei.jpgticket.pngUnieuro.jpgitalo.pnghertz.png
Home News BONUS EDILIZIA – Non più rinviabile soluzione a crediti incagliati, anche con acquirente pubblico di ultima istanza